Perché i lavoratori si uniscono a un sindacato? (Motivi)

Gli esseri umani sono creature razionali. Di solito agiscono razionalmente in diverse sfere della loro vita. Allo stesso modo, i lavoratori si uniscono a un sindacato con un approccio razionale se l'adesione a un sindacato sarà vantaggiosa o meno. Questo può essere semplicemente deciso facendo un'analisi costi-benefici a questo riguardo. L'eccesso di benefici rispetto ai costi, vale a dire profitto o premio, giustifica l'adesione dei lavoratori a un sindacato.

I ricercatori hanno dedicato molto tempo e sforzi per studiare "perché i dipendenti scelgono di unirsi a un sindacato". Non hanno segnalato un elenco comune di motivi validi per tutti gli sforzi organizzativi.

Nondimeno, tra gli esperti del lavoro esiste un accordo generale sul fatto che alcuni problemi potrebbero condurre a una spinta organizzativa da parte dei lavoratori. Tra questi, i principali sono i seguenti:

Sicurezza sul lavoro:

I dipendenti devono avere un senso di sicurezza del lavoro e vogliono essere sicuri che la direzione non prenderà decisioni ingiuste e arbitrarie sul loro impiego. Guardano i sindacati per garantire che il loro lavoro sia debitamente protetto da licenziamenti, richiami, promozioni, ecc.

Stipendi e vantaggi:

I dipendenti lavorano per il sostentamento, cioè il pane e burro. Ovviamente, le questioni relative al pane e burro dei dipendenti sono sempre questioni importanti nella loro unione. I dipendenti possono pensare che il sindacato, con la sua forza unita, garantirà salari equi alla pari con quelli di altri lavoratori della comunità, benefici come strutture mediche, pensioni, assenze per malattia pagate, vacanze e vacanze per loro.

Condizioni di lavoro:

Ai dipendenti piace lavorare in un ambiente sano e sicuro. Sebbene ci siano disposizioni legali per fornire ai dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, i dipendenti si sentono ancora più sicuri, sapendo che il sindacato è direttamente coinvolto in questioni di sicurezza e salute ad essi relative.

Supervisione equa e giusta:

I giorni sono finiti da tempo quando i manager / leader potevano comandare i dipendenti con un pugno di ferro. Grazie ai sindacati che hanno determinato un cambiamento o uno spostamento degli stili di leadership da quelli autocratici a quelli democratici o, per dire, orientati a garantire che i manager trattino i loro dipendenti in modo equo, giusto e rispettoso. I dipendenti possono essere disciplinati solo per "giusta causa". In caso di maltrattamento da parte del datore di lavoro, il dipendente può presentare un reclamo scritto contro il datore di lavoro.

La denuncia sarà ascoltata e risolta attraverso una procedura formale di reclamo che coinvolgerà la discussione collettiva da parte di rappresentanti sindacali e di gestione.

Impotenza:

I dipendenti individualmente spesso si sentono senza voce o impotenti a produrre cambiamenti che li avvantaggino '. Ma è l'unione che fornisce loro una voce potente e collettiva per comunicare alla direzione la loro insoddisfazione e frustrazione. Questo si basa sulla filosofia del lavoro "l'unità è la forza".

Bisogno di appartenenza:

L'uomo è un animale sociale. Quindi, la necessità di appartenere è forte sia nella sua vita personale che lavorativa. Il sindacato, da questo punto di vista, fornisce un meccanismo per riunire le persone non solo per promuovere interessi comuni legati al lavoro, ma anche per organizzare di volta in volta programmi, funzioni ed eventi sociali, per creare un forte legame tra i membri del sindacato '.

Per concludere, il fallimento della direzione nell'assicurare la sicurezza del posto di lavoro, una remunerazione equa, condizioni di lavoro salubri e sicure, una supervisione equa, coinvolgimento nel processo decisionale, senso di appartenenza ecc., Ai dipendenti li motiva a far parte di un sindacato. Ciò è corroborato da studi di ricerca ben studiati anche come mostrato nella Tabella 26.1.

Tabella 26.1: Quali dipendenti del sindacato credono che le loro unioni forniscano rispetto ai dipendenti non sindacalizzati: