Kaizen Costing: definizione e regole

Kaizen Costing: definizione e regole!

Definizione di Kaizen Costing:

Kaizen Costing, anche definito come costo di miglioramento continuo, è un meccanismo per ridurre e gestire i costi. Kaizen è il termine giapponese per fare continui miglioramenti in attività relativamente piccole piuttosto che grandi miglioramenti innovativi. La principale differenza tra i costi target e Kaizen è che i costi target vengono applicati durante la fase di progettazione in cui il costo dei Kaizen viene applicato durante la fase di produzione della vita di un prodotto.

L'obiettivo dei costi di Kaizen è di ridurre i costi effettivi per fabbricare un prodotto al di sotto del costo standard. Il sistema dei costi standard generalmente mira a raggiungere gli standard di costo stabiliti dalla direzione, mentre i sistemi di costo di Kaizen sono più interessati a ridurre i costi effettivi al di sotto dei costi standard. Le riduzioni dei costi potenziali sono più ridotte con il costo di Kaizen perché i prodotti sono già nella fase di produzione dei loro cicli di vita e una percentuale significativa dei costi si sarà bloccata.

Kaizen costa traccia i piani di riduzione dei costi su base mensile. Gli obiettivi di costo di Kaizen sono espressi nei termini delle risorse fisiche. Se il capo di un gruppo non riesce a raggiungere l'obiettivo di costo di Kaizen dell'1%, inizierà la revisione da senior. Il consumo di risorse è strettamente controllato in molte aziende giapponesi. Pertanto, le riduzioni dei costi pianificate sono pianificate e monitorate attraverso gli obiettivi di costo di Kaizen in termini di risorse fisiche.

Regole:

Durante l'implementazione del concetto di Kaizen, si osservano le seguenti regole:

io. Identifica i tuoi problemi.

ii. Classifica i tuoi problemi come minori, difficili e importanti.

iii. Seleziona il problema minore più piccolo e inizia con esso. Dopo aver affrontato questo, passare al prossimo problema graduale e così via.

iv. Assicurati sempre che il miglioramento faccia parte della routine quotidiana.

v. Non accettare mai lo status quo.

VI. Non rifiutare mai alcuna idea prima di provarla.

vii. Condividi gli esperimenti con i colleghi.

viii. Elimina gli esperimenti già provati ma falliti, mentre condividi i problemi con i tuoi colleghi.

ix. Non nascondere mai i problemi, evidenziali sempre.