Sovvenzioni alimentari, sussidiario di concimi e sussidio di petrolio

Sovvenzioni alimentari, sovvenzioni di fertilizzanti e sussidi di petrolio!

Cibo, fertilizzanti e petrolio sono i principali sussidi che devono essere considerati per qualsiasi programma di riforma fiscale.

Questi sono i seguenti:

Sussidio alimentare:

I sussidi alimentari mirano a garantire l'approvvigionamento di cereali alimentari ai consumatori, in particolare ai poveri, a prezzi accessibili. Il sistema di distribuzione pubblica (PDS) è stato introdotto per fornire cereali alimentari a tassi più convenienti e per isolare le sezioni vulnerabili dai prezzi più elevati sul mercato e anche per garantire loro uno stato nutrizionale minimo. Il PDS è altamente sovvenzionato in India e ciò ha comportato un pesante onere fiscale per il governo centrale.

La sovvenzione sul PDS deriva dalla differenza tra il prezzo di emissione e il costo economico di Food Corporation of India (FCI) - acquisti e costi operativi.

Il costo economico della FCI sta aumentando a causa di:

(i) regolari aumenti del prezzo di acquisto e

(ii) aumento dei costi di stoccaggio e distribuzione! Mentre questi aumentano, i prezzi delle emissioni sono deliberatamente mantenuti bassi al fine di fornire cereali alimentari a prezzi inferiori. Pertanto, il divario tra i due sta aumentando nel corso degli anni e quindi i sussidi alimentari stanno salendo.

Molti studi hanno dimostrato che i sussidi alimentari sono mal mirati e che la maggior parte di questi non va molto bene. Il sussidio alimentare è giustificato dal fatto che è finalizzato alla riduzione della povertà, ma in realtà i poveri non ne hanno beneficiato molto. Inoltre, una parte importante del sussidio va a coprire i costi della FCI inefficiente e corrotta.

Inoltre, ci sono perdite dal PDS, sotto forma di perdite nello stoccaggio, nel trasporto e nella deviazione verso il mercato aperto. In considerazione di ciò, vi è la necessità di razionalizzare le sovvenzioni alimentari e un PDS mirato (ossia prendere di mira solo le fasce povere e vulnerabili della popolazione). Ciò aiuterà i veri poveri e ridurrà anche il peso del sussidio alimentare.

Sovvenzione di fertilizzanti:

Il sussidio di fertilizzanti è l'altro componente dei maggiori sussidi. Il governo ha introdotto questo sussidio nel 1977, con l'obiettivo principale di mettere a disposizione degli agricoltori fertilizzanti a prezzi accessibili. Questo ha lo scopo di incoraggiare un maggiore uso di fertilizzanti in agricoltura, aumentare la produzione agricola e assistere all'autosufficienza alimentare. Il sussidio per i fertilizzanti ha due componenti principali. Una parte del sussidio va agli agricoltori. L'altra parte va alle unità di produzione di fertilizzanti.

La seconda componente è volta a garantire che i fertilizzanti producano dei limiti a un buon ritorno. Aiuta anche ad attrarre investimenti nel settore per aumentare la produzione di fertilizzanti. A tale scopo è stato introdotto nel 1977 un Retention Pricing System (RPS). L'eccedenza dei costi di produzione (prezzo di conservazione) e di distribuzione (trasporto e distribuzione) rispetto al prezzo controllato è considerata una sovvenzione e versata alle unità di produzione.

Nel lavoro effettivo, si scopre che i sussidi per i fertilizzanti non raggiungono i contadini poveri. Il 50 per cento del sussidio è destinato all'industria dei fertilizzanti domestici inefficiente e ad alto costo. I limiti di produzione del concime non hanno mostrato alcuna inclinazione a ridurre il costo di produzione in considerazione dell'RPS. Inoltre, la politica dei prezzi dei fertilizzanti del governo indiano ha portato a squilibri nell'uso di diversi fertilizzanti [vis. azoto (N), fosforo (P) e potassio (K)].

Ciò ha, infatti, portato all'uso eccessivo dell'urea rispetto ad altri fertilizzanti. Ciò ha avuto un effetto negativo sull'ambiente che influisce sulla qualità del suolo. Allo stesso modo, l'azoto è fortemente sovvenzionato e quindi è usato in eccesso rispetto ad altri fertilizzanti.

Sussidio di petrolio:

Dal 2002-03 in poi, il sussidio del petrolio è considerato un importante sussidio. Il governo indiano fornisce sussidi al petrolio per il gpl domestico e il cherosene per uso domestico. Il cherosene viene distribuito tramite PDS, in quanto si suppone che sia il combustibile per cucinare dei poveri, a un prezzo fortemente sovvenzionato. Ma metà di questo è usato per adulterare diesel e benzina, in considerazione della sua economicità relativa. Nel Bengala e nel Bihar, gran parte di questo è contrabbandato in Nepal e in Bangladesh per essere venduto con profitto.

Il sussidio sul kerosene e il GPL è finanziato da un enorme sussidio incrociato sulla benzina. Questo è altamente distorsivo in natura. È quindi chiaro che questi sussidi - sovvenzioni alimentari, di fertilizzanti e di petrolio - pur imponendo pesanti oneri fiscali al governo, sono responsabili di distorsioni nel funzionamento dei meccanismi di prezzo e consegna, oltre alle perdite. C'è quindi ogni necessità per la loro razionalizzazione.